Bologna: la battaglia dei graffiti non è ancora perduta

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Source: Repubblica Bologna – 20.3.2011

"Ha ragione la Soprintendente Di Francesco: certe "arlecchinate" fatte sui muri per cancellare i graffiti sono peggio delle scritte. Dobbiamo essere più cauti e raccordarci con gli esperti. Perché i palazzi del centro non sono tutti uguali. Ma una domanda, adesso, gliela faccio io. Ha visto quel maiale disegnato sotto il portico della chiesa dei Servi? Secondo lei, è meglio lasciarlo lì o cancellarlo, magari anche con una vernice di colore lievemente diverso dal precedente?".

Il graffito di un porcello in Strada Maggiore, su una delle chiese più importanti della città, toglie il sonno al commissario Anna Maria Cancellieri, alle prese coi writer seriali, le bacchettate della direttrice dei Beni Culturali per via dei restauri sbagliati (palazzo Davia Bargellini e palazzo Hercolani) e il nuovo regolamento di polizia urbana che infligge ai graffitari multe fino a 500 euro, ma stenta a decollare. Quel graffito è il simbolo del paradosso Bologna: tanti palazzi storici, tantissime scritte, restauri complicati, nel senso che devono essere filologicamente corretti, ma contano su pochi soldi per realizzarli.

"L'altro giorno ero a Torino per la festa dell'Unità d'Italia: a momenti mi mettevo a piangere",  si lamenta la Cancellieri . Nemmeno un graffito sui muri, ed è così anche a Modena, o a Padova. Perché solo a Bologna? Ma non dite che quella contro i graffiti è una battaglia perduta: il nuovo regolamento ci aiuterà. Intanto, un writer l'abbiamo preso. E se lo ricorderà per un pezzo: dovrà pagare almeno 4mila euro di multa e ripulire dove ha sporcato. Io non li capisco, questi ragazzi. Abbiamo messo a disposizione alcuni luoghi dove possono esprimere la loro creatività senza far danni, ma non c'è niente da fare. Insisteremo. Mi spiace, però, che il mio appello sui volontari antidegrado sia rimasto quasi inascoltato. Francamente da Bologna, così incline alla lamentela, mi aspettavo maggior partecipazione".

Bisogna insistere, dice la Cancellieri, che chiede la collaborazione dei cittadini, difende il nuovo regolamento e vorrebbe installare altre telecamere nel centro storico. "Il regolamento è uno strumento in cui credo e servirà a mettere un po' d'ordine in una selva di norme e "normine" che si sono succedute negli anni, tanto che alla fine non si capiva più chi poteva o doveva intervenire. Quello delle risorse, però, è un problemone: se avessi i soldi, manderei i vigili in strada ogni notte a dar la caccia ai writer. E' vero, le altre forze dell'ordine ci aiutano, e anche loro scontano la scarsità di risorse, ma in questo caso i controlli notturni sono a malapena sufficienti per garantire la sicurezza urbana".

Insomma, con queste premesse c'è il rischio che l'abbiano vinta i graffitari e che saremo costretti a tenerci il maiale sotto i portici dei Servi per un pezzo. "In un mondo ideale, e in una città storica, tutti i muri dovrebbero essere trattati come meritano  risponde la Cancellieri , ma in certi casi, come questo, credo si debba intervenire immediatamente. Il rischio è l'immobilità: un atteggiamento che non possiamo permetterci. Sarebbe una sconfitta. Noi continueremo a fare la nostra parte: lavoreremo a contatto ancor più stretto con la Soprintendenza, perché sono contrarissima alle "arlecchinate". Il problema è che le pulizie dei muri, se sono fatte bene, sono molto costose. In ogni caso applicheremo l'ordinanza. E poi bisogna cambiare atteggiamento: sono stufa di sentir trattare gli "imbrattamuri" come artisti incompresi o ragazzi che non capiscono quello che fanno. E' una forma d'indulgenza figlia di una cultura vecchia. E dannosa". Qualcuno sospetta che il Comune, col nuovo regolamento, andrà a dar la caccia ai poveri. "Questa è un'assurdità, io non ci sto. E la città stessa non lo permetterebbe. Vogliono una Bologna più brutta? Chi verrà dopo di me potrà cambiare tutto".

di CARLO GULOTTA

Posted in Graffiti Writing Calligraphy & Tags Tagged with:
One comment on “Bologna: la battaglia dei graffiti non è ancora perduta
  1. Giacomo says:

    La cancellieri è un mito, peccato non sia pi sindaco.
    Ancora qualcuno insiste a legittimare questi imbrattatori? Ma basta uscire dall’Itala, andiamo a vedere se sui palazzi storici di Londra troviamo l’ombra di un graffito…
    500 euro di multa mi sembrano irrisori, dovrebbero essere puniti con molta più severità.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

*