Gattonero: graffi

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Milano, 22 gennaio – 13 febbraio 2011

Non ho capito nulla del comunicato stampa, ma posso con certezza affermare che la migliore opera d'arte di Gattonero, uno tra i personaggi più pazzi (e positivi) di Milano, sia lui stesso. Non potendolo acquistare, potreste essere interessati ad una delle sue opere.

CS
Nella ricerca di un equilibrio tra figura e astrazione, i Graffi di Gatto Nero sono scie di colore che solcano la tela, erodendo alcuni scenari per crearne nuovi. Come un viaggiatore che precipita dalla sua barca a remi, trascinando con sé il non più calmo riflesso del paesaggio nell’acqua, Gatto Nero deforma le linee, le unisce e le separa, le confonde, per restituire a quel riflesso nuove sembianze. Il movimento circolare dei remi che increspa le immagini è la pennellata che infonde matericità alle tele, traducendo la sua visione e la sua emozionalità in arte. E’ così che l’artista interpreta il contrasto tra la lezione dei grandi maestri italiani e quegli elementi di rottura che si possono ricercare invece nell’arte urbana, figlia eversiva della grigia periferia. I filoni su cui Gatto Nero si sofferma sono principalmente tre: i paesaggi, l’informale e le bandiere. Quando la forza della natura incontra il progresso e la tecnologia e si scontra con essi, nascono paesaggi, rivisitati in chiave espressionista, che raccontano grandi cambiamenti dove non c’è spazio per l’uomo, schiacciato e annichilito dalla risposta della natura alla sua provocazione. Da qui si arriva alla globalizzazione che erode le bandiere, simboli non più eterni di unità e divisione, identità e diseguaglianza, che una volta avevano regalato agli Stati l’illusione di un futuro, per poi essere proprio da questo estromesse. Le bandiere di Gatto Nero sono, infatti, sgualcite, lacerate, graffiate da pennellate bianche come il colore della resa. Infine, vediamo i soggetti che rappresentano immagini informali, elementi liminari della realtà, che possono essere ricondotti alla traduzione delle sue emozioni su tela. Nascono così mondi immaginari, fatti di simboli, colori evocativi, materia che prende il sopravvento sullo spazio, rompendo i margini, straripando, debordando, per ricordarci che ci troviamo di fronte a opere in cui il confine tra scultura, pittura e oggetto è nullo.

VERNISSAGE venerdì 21 gennaio ore 18,30

STRADEDARTS
arte contemporanea
Largo dei Gelsomini 6, Milano

www.stradedarts.it

Posted in Exhibitions, Street Art Tagged with: ,
One comment on “Gattonero: graffi
  1. trepuntini says:

    SUPERCAZZOLA MANCO FOSSE ANTANI CON SCAPPELLAMENTO A SINISTRA

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

*