Mr Maks interview

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Could you please introduce yourself
My name is Benedict Weibel, I’m around 25 years old.
I write Mr. Massimo and I’m a proud member of the glourious TKO (Transit Knock Out) crew I grew up in Basel but I’m at home on all the tracks and yards on planet Earth.

Per incominciare, dicci qualcosa di te.
Mi chiamo Benedict Weibel e ho quasi 25 anni. La mia tag è “Mr.Massimo” e sono un fiero membro della gloriosa TKO (Transit Knock Out) crew. Sono cresciuto a Basilea, ma la mia casa è su tutte le rotaie e in tutti i depositi ferroviari del pianeta terra.

When and how did your interest in graffiti start?
My interesting into graffiti started in 1990 when I saw gangs like “tigerbaba” or “Spainboys” hanging around in my area with nice and colourful football jackets. I was scared of them ‘cus I’d heard they beated down everybody who crossed their way, but on the other side I was totaly fascinated of all the stories and personalities. All the time I saw them just from far away, they marked their area with really bad tags. But when I stood in front of a tag I feeled the power and energy, and to know they were right here gave me an extra special feeling of fear and fascination.
So my older brother and I started to organize our own gang and since a real leader of a gang needs a really big and strong name, my brother started to write “tiger 1” and one day later I started to write “tiger 2”. A friend who was living in the same street had the honour to to call himself “tiger 3” so the gang was fixed. But all we did was to wear this football clothes, playing with softball guns, smoking cigaretts and drawing ugly homeboy tags and styles on paper.
‘Till my brother did his first piece. He wrote in big red filled letters with black outlines “the mans best friend is a gun”. Can be that he still thinks that way ‘cus right now he’s in the army in Kosovo. But back to the story, I felt really dissed ‘cus he didn’t tell me anything and he even did the piece with a friend of him who wasn’t joining our crew, not did he live in the same street. So one day later me and Tiger 3 racked in the supermarket some cans and in a tunel wich was on our shoolway I did a bigger piece then the one of my brother and the bastard. I did a orange “Bosten” piece with black outlines and under the letters I painted a basketball with flames. Tiger 3 was just checking for me and I think he was more scared then me ‘cus all 5 minutes he came down to me and told me that he really felt we had to go home. I wrote “Bosten” in the meaning of the basketball team Boston Celtics but of course I wrote the name of the city wrong. The next day my brother came back from shool then me and he was really psyched, he told me that I was mad to do such a big piece like this and thats never fun thats real crime and distruction, he also told me that he saw a man standing in front of my piece and watching it. After that I felt really guilty and I was definitely sure that I’d never do a crime like this again…
Now, 14 years later sometimes I have still the same fealing when I see one of my pieces. I know that’s some kind of hard to understand for an Italian writer.

Quando e come hai cominciato ad interessarti ai graffiti?
Il mio interesse è nato nel 1990, quando vidi per la prima volta delle bande come i “tigerbaba” e gli “Spainboys” girare per la mia zona con addosso delle simpatiche e colorate giacche da football. Mi spaventavano perchè avevo sentito che picchiavano chiunque passasse davati a loro, ma d’altra parte ero affascinato da tutte quelle storie e dalle loro personalità.
Quando li guardavo da lontano,li vedevo marchiare la loro zona con tag veramente brutte. Ma stando di fronte ad esse ne sentivo il potere e l’energia, e sapere che loro erano stati li mi dava un’ulteriore particolare sensazione, di paura e fascino.
Così il mio fratello maggiore ed io formammo una nostra gang e siccome il vero leader di una banda necessita di un nome grande e forte, mio fratello cominciò a firmarsi “tiger1” , io “tiger2” e un amico che viveva nella mia stessa strada ebbe l’onore di chiamarsi “tiger3”. è così che venne formato il gruppo.
Ma tutto quello che facevamo era indossare abiti da football, giocare con mazze da softball, fumare sigarette e disegnare tag fiacche e pezzi su carta. Fino a quando mio fratello fece il suo primo pezzo. Scrisse “the mans best friend is a gun” (“il migliore amico dell’uomo è una pistola”) a lettere rosse, grandi e gonfie e con contorno nero. Può essere che la pensi ancora così, dato che attualmente è nell’esercito in Kosovo. Ma tornando alla mia storia, mi sentii veramente tradito perchè non mi aveva detto niente; addirittura aveva realizzato il pezzo con un suo amico che non era membro della nostra crew e che tantomeno non viveva nella nostra stessa strada.
Il giorno dopo io e Tiger3 prendemmo in un supermercato delle bombolette e, in un tunnel che si trovava sulla strada per andare a scuola, feci un pezzo più grande di quello di mio fratello e del ***. Scrissi “Bosten”: era arancio con l’outline nero e sotto le lettere ho dipinto un campo da basket con le fiamme. Tiger3 faceva la guardia, penso che avesse molta più paura di me perchè ogni 5 minuti veniva a dirmi che si sentiva che
dovevamo andare a casa. Scrissi “Bosten” riferendomi alla squadra di basket dei Boston Celtics, ma ovviamente ho sbagliato a scrivere il nome della città. Il giorno dopo mio fratello tornò da scuola dopo di me: era turbato, mi disse che ero matto ad aver fatto un pezzo così grande e che non era divertente, era un crimine vero e proprio, un atto di vandalismo, disse di aver visto un uomo stare di fronte al pezzo a guardarlo. Mi sono sentito davvero colpevole ed ero determinato a non commettere ancora un crimine come quello… Oggi, 14anni dopo, ho ancora la stessa sensazione quando vedo uno dei miei pezzi. So che per un writer italiano questo può essere un po’ difficile da capire.

Does your family support your career of painting or are they against it?
My parents didn’t really care for me and my brother and so we had a lot of sparetime. They saw we drew sketches and that our clothes were always full with paint but they never really cared about it, I think they had more problems with the fact that we were smoking weed every day. It must have been around ’92 and it was saturday night when my parents went to bed and some minutees later I sneaked out of our house, I did this every 2nd night, one night for sleeping and the other one for meeting my friends painting
pieces and smoking weed. This night I met Sice and Dams, two older writers from my town. We went in a yard where we did a full color e2e. After the action we walked back to the station and took the first train home, on the way to the station we did a lot of tags. By the station two police cars came a cross, somebody must have seen us. They catched me right there, Dams and Sice were older and faster than me, they both came away. So Sunday morning the police called my father to tell him he had to pick me up from the police station. I still know it like it was yesterday. My dad came in the cop station, without saying a word to anyone he took me in his car and drove the 20 min. way home, he still didn’t say a word. We got in our house and my dad closed the dor, turned around and gave me some really big and phat slaps, my head was getting hot and red like
a tomato, but he still didn’t say a word. The next days and even until today, he never spoke with me about that day. Some weeks after all that the police called me up and told me that I had to come and pik up my cans, they didn`t wanna open a trial against me ‘cus I was too young. So the account was ok for me, big fun – little trouble. One year later I got catched again and they took me in jail for two days.
The first day in jail I cried like a girl and by the interrogation I told to the officers always that my parents are waiting for me but at the second day they told me that they spoke with my dad and he told them that they have to keep me in jail for a while so I will learn my lesson. That hurt ***ing much, my own dad! I felt totally lost. The same evening a socialworker fetched me up and brought me home with his motorbike. One the way home we passed my dad who was also one the way home from his hard work on the building site, he was totaly dirty and he didn’t look at me. For a long time he dind’t talk a word with me or even gave a look at me. The ignoring of my dad was for me much harder then all the bills and court trouble. After that for a while I did only legal stuff.
My Mom told me often that she would want me to become an architect for building bridges and things like that, now I just paint them, I tried to reach the dream of my mom as close as possible next to my own dreams. My parents saw that I put that much energy and time in letters and paint over the years and 14 years after i’m still in the biz. What can they say? They are happy when I feel good and with some lil goals like montana-sponsering and the jams I travel sometimes I can show them that it is not that stupid to put time in graff.

La tua famiglia sostiene la tua carriera artistica o la ostacola?
I miei genitori non si curavano molto di me e di mio fratello, così avevamo un sacco di tempo per fare quello che volevamo. Vedevano che facevamo dei bozzetti e che i nostri vestiti erano sempre imbrattati di vernice, ma non interessava loro molto, penso che il fatto che fumavamo erba li preoccupasse di più.
Ricordo che, più o meno nel ’92, per la prima volta un sabato sera sono sgattaiolato fuori casa dopo che i miei erano andati a dormire. Ho continuato a farlo ogni due notti: una la usavo per dormire, l’altra per uscire con i miei amici, dipingere e fumare. Quella notte ho incontrato Sice e Dams, due fra i più vecchi writer dalla mia città. Siamo andati un un deposito ferroviario e abbiamo fatto un end to end coloratissimo. Dopodichè abbiamo camminato verso la stazione per prendere il primo treno per casa, lasciando in giro molte tags. Vicino alla stazione arrivarono due auto della polizia, qualcuno doveva averci visti.
Mi hanno preso subito, Dams e Sice erano più esperti e veloci di me: entrambi sono scappati. Così la domenica mattina la polizia ha chiamato mio padre e gli ha detto che mi avevano portato in centrale. Me lo ricordo come se fosse ieri. Mio padre arrivò alla stazione di polizia senza dire una parola, mi caricò sulla macchina e guidò per 20 minuti. Per strada non disse niente. Entrammo in casa, lui chiuse la porta, si girò e mi mollò un bello schiaffo, la mia testa cominciò a diventare bollente e rossa come un pomodoro, ma lui continuava a tacere. Non abbiamo mai parlato dell’accaduto. Qualche settimana dopo la polizia mi chiamò per venire a prendere le mie bombolette, non vollero processarmi perchè ero troppo giovane. Mi era andata alla grande, senza grossi problemi. Un anno dopo mi hanno preso ancora e mi hanno lasciato in cella per due giorni. Durante il primo ho pianto come una ragazzina e all’interrogatorio continuavo a ripetere ai due ufficiali che i miei genitori mi stavano aspettando, ma il secondo giorno mi dissero che avevano parlato con mio padre ed era stato lui a chieder loro di tenermi dentro perchè imparassi la lezione.
Quello fu un bruttissimo colpo giocatomi da mio padre. Proprio lui? Mi sentii veramente perso. Quella sera un assistente sociale mi riaccompagnò a casa con la sua moto. Sulla strada per casa abbiamo sorpassato mio padre, anche lui stava tornando a casa dalla sua faticosa giornata di lavoro da costruttore, era tutto sporco e non mi guardò. Per un lungo periodo non scambiò con me una parola e nemmeno mi degnò di uno sguardo. La totale indifferenza di mio padre per me era più insopportabile di tutte le multe e dei problemi con il tribunale. Dopo questo episodio per un po’ feci solo pezzi legali. Mamma mi diceva spesso che desiderava che io diventassi un architetto e che progettassi ponti e cose simili. Adesso li dipingo solo, cerco di combinare il più possibile i sogni di mia madre con i miei. I miei genitori vedono che metto molta energia e tempo nelle lettere e nei pezzi e che dopo 14anni sono ancora qui. Cosa possono dire?Sono contenti se sto bene, di alcuni piccoli successi, come la sponsorizzazione della Montana, e delle jam. Oggi riesco a dimostrar loro che non è così stupido a dedicare tempo ai graffiti.

How did you discover your style and how has it evolved?
In the begining i just liked everything that was painted with spraycans, I was also impressed by characters and totally weared styles.
But with the time my taste found it’s way and I started more and more liking the simple letter. Arrows impress me really less. And these days I think some times that my taste is going too far ‘cus I see so few pieces wich I really like deep from my heart. I think that`s not a thing of the writers wich paint around me, that’s a thing of myself. Sometimes I`m too closed.
But in my envolvment i had two important signspost, one was the holy bibe of graffiticultur “Subwayart” and the other guide was Kane from the TPM crew in Heidelberg. I met him in young years and he was that fresh that I stayed at his house for some days. He drew a lot of sketches and told me a lot about graff. People can say what they want – but he was definitely one of the biggest stylekings in the 90’s. I think in these days I learned so much about style. Not about how I have to use arrows and swings, but about how I have to think about a style itself. ***, when I’m thinking about how much luck I had to meet him so early I can just say “Thanx” and my biggest respect goes out to him!

Com’è nato e si è evoluto il tuo stile?
Inizialmente amavo tutto ciò che era dipinto a spray. Ero anche colpito dai personaggi e dagli stili. Ma con il tempo il mio gusto si è affinato e ho cominciato ad apprezzare sempre di più le semplici lettere. Le frecce mi piacevano davvero poco. Oggi credo che il mio gusto si stia evolvendo ancora molto perchè vedo ben pochi pezzi che mi piacciono veramente. Non penso che questo sia tipico dei writer che mi circondano, è una cosa mia. A volte sono troppo chiuso. Nella mia evoluzione ho avuto due guide importanti, una è la sacra bibbia dei graffiti “Subwayart”, l’altra è stato Kane della tpm crew di Heidelberg. L’ho incontrato anni fa, è stato così gentile da invitarmi a casa sua per qualche giorno.
Faceva un sacco di bozzetti e mi ha parlato del writing. La gente può dire quello che vuole, ma lui è sicuramente stato uno dei più grandi re degli anni ’90. Penso di aver imparato molto sullo stile in quei giorni. Non su come avrei dovuto usare frecce e swings, ma su come avrei dovuto concepire uno stile vero e proprio. Quando penso a come sono stato fortunato ad incontrarlo così presto, posso solo dirgli grazie e riservargli il mio più grande rispetto.

Do you have something in particular which inspires you to paint? What is it?
I get ***ing inspired when I`m in a situation which’s not allow me to paint. Like when I sit in the school or I’m at work or something different i really have to do. The situation that I can`t go out right now inspired me so much. Then I started to think wich yard I will enter as next, wich way i wanna use to get unseen inside, wich homies I wanna take with me, wich colours my style will have and wich part of the train I wanna make. Graff mags and videos don’t inspire me at all. Yet I would say it turns me in the other way ‘cus I get the feeling that everything has already been done by everyone. Exclusivity and uniquely inspires me.

Hai una particolare fonte di ispirazione?
L’ispirazione mi arriva quando mi trovo in maledette situazioni che non mi permettono di dipingere. Come quando sono seduto a scuola, o quando sto lavorando, o quando ho davvero dell’altro da fare. Il fatto stesso di non poter uscire subito a dipingere mi ha ispirato molto. Allora comincio a pensare in quale deposito entrerò la prossima volta, che strada dovrò fare per non essere visto, chi porterò con me, quali colori dovrà avere il mio pezzo e quale parte del treno voglio dipingere.
Le riviste di graffiti e i video non mi ispirano per niente. Voglio dire, mi ispirano in un altro verso, perchè entro in contatto con quello che è stato già fatto da qualcun’altro. Ciò che è unico ed esclusivo mi ispira molto.

How much time do you dedicate to painting?
24 hours and 25 minutes 8 days a week.

Quanto tempo dedichi ai graffiti?
24 ore e 25 minuti 8 giorni alla settimana.

Could you please describe to us a positive and negative moment of your career in graffiti?
All the times I finish a panel and get a cool foto of it is a positive moment but every finished panel gives appetite for another one. So I never get satisfied or finished with my mission and if you want you can call that negative.

Puoi descriverci un momento positivo e uno negativo della tua carriera di writer?
Ogni volta che finisco un pannello e riesco ad avere delle foto fighe è un momento positivo, ma ogni volta che finisco un pannello mi viene voglia di farne un altro. Non sono mai soddisfatto e non ho mai l’impressione di aver portato a termine la mia missione. Questo si può intendere come lato negativo.

What is the scene in your city?
What can I tell you about it? We have some good writers, some cool hall of fames, a lot of toys, 300 railwaypolice members, 3,9 Million ? each year to keep the city clean from graffiti an the usual scene behavior like in every other city too.

Com’è la scena nella tua città?
Cosa posso dirti a riguardo? Abbiamo qualche buon writer, qualche hall of fame figa, un sacco di toys, 300 membri della polizia ferroviari e 3,9 sono i milioni spesi per tenere la città pulita dai graffiti, è la solita scena che si presenta anche nelle altre città.

Apart from painting, what else do you enjoy doing in your free time?
To watch a good movie with my girlfriend, to bring here in a good restaurant or to just hang around with my friends, drinking a beer, speaking about unimportant things and thinking about nothing.

A parte dipingere, che cosa ami fare nel tuo tempo libero?
Guardare un bel film con la mia ragazza, portarla in un buon ristorante, oppure girare con i miei amici, bere birra, parlare di cose non importanti e non pensare a niente.

What are your future projects in general?
To stay black and lucky as ever and to always do what my heart is telling me to do. One of my next projects will be a travel during whole Italy in nothing but my swimmingpants with my lil homeboy Rocks and we will stop in every big or lil’ town and taste a slice of pizza.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Restare nero e contento come al solito e fare sempre quello che mi suggerisce il cuore. Uno dei miei prossimi progetti sarà un viaggio per tutta l’Italia, con addosso niente a parte il costume da bagno, con il mio piccolo amico Rocks. Ci fermeremo in ogni città, grande o piccola, ad assaggiare un pezzo di pizza.

Just wanna say a big “YO!” to my Spagetthi Homeboys:
Rocks, Alexandra, Sand, Dumbo, Shampo (still got love for you), Mind, Risk,Spice, Fency, Robin, Fritz da Cat, Dance, Cento, Trota and his Ok Gang, Poison, Vela, Bol, Chaime (forever), Stand, Hekto, Sherif and Besk!

Un mega “YO!” ai miei Spagetti Homeboys:
Rocks, Alexandra, Sand, Dumbo, Shampo (ti voglio sempre tanto bene), Mind, Risk, Spice, Fency, Robin, Fritz da Cat, Dance, Cento, Trota e la sua Ok Gang, Poison, Vela, Bol, Chaime (per sempre), Stand, Hekto, Sherif e Besk!

Posted in Art Interviews Tagged with: , ,