Phato interview

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Ciao Phato, presentati per favore.
CIAO sono PHATO (SEWER,OSYRUS,DOE,RUN) appartengo alla Cala Kiava Collassa CREW, UAN, CYB, TNB, NFL, OSA. Ho 25 anni e vivo a Milano.

Quando e in che modo hai avuto il primo approccio con il writing?
Sicuramente non sono stato uno dei primi writers milanesi, il mio primo approccio con il writing è stato verso la fine del 1990 quando inizia a scarabocchiare la mia firma sulle scatole dei biscotti. Le prime cose che ho visto sono state il muro di pontano dei TDK, i bombing di FLYCAT, MADBOB, SKY e dei TKA. Poi nel 1991 mi sono trasferito a Madrid e li ho iniziato a dipingere. Quando tornavo a milano scattavo centinaia di foto, perche a Madrid non dipingeva quasi nessuno. I writers che in quegli anni mi influenzarono di più sono stati SPYDER7 r.i.p., MADBOB, FLYCAT, SKY4, BANGSTA, KRAY, STRIKE, YNDY, DOSE.
Alla fine del 1993 sono tornato a Milano e ho continuato a dipingere. 2002 e sono ancora qui!

Come è nata la ckc?tu quando sei entrato a farne parte? Chi erano i membri originari e chi è rimasto ancora attivo nonostante siano passati più di 10 anni?
La CKC CREW è nata il primo maggio del 1991, io a quel tempo non conoscevo ancora nessuno, i primi membri sono stati FLYCAT (che io personalmente non ho mai conosciuto) KRAY, BANG, ASK, STAZE, SPIK.
Altri componenti entrati in seguito sono DROP BREAD SKY SHOT KID CODE TYPE PONGO RAE DRA SHAD DANE che ha iniziato a dipingere con me ed è l’ultimo acquisto.
Per quanto riguarda me, da quando sono tornato dalla spagna, ho sempre dipinto con i CKC, UAN e CYB, sinceramente non so dire quando sono entrato nei CKC, nel 1997 mi sembra.
Attualmente siamo ancora attivi non tutti chiaramente. PHATO, SKY, RAE, DRA, DANE ecco chi ancora tiene alto il nome CKC.

Che rapporto hai con i compagni di crew? Com’è che vi siete conosciuti?
Direi che alcuni sono più che amici, fratelli, ci vediamo quasi tutti i giorni, abitiamo nella stessa zona siamo cresciuti insieme passando le giornate in piazza aspromonte. Anche se molti non dipingono più siamo comunque in contatto.

Com’è cambiata la scena milanese in questi anni?
La scena milanese è un pò un macello… gente che va gente che viene. A volte mi fermo a guardare le tag in giro e vedo nomi nuovi, sempre più spesso vedo che qualcuno si autoproclama KING‚ ma sinceramente non mi interessa quello che fanno gli altri. Problemi‚ sempre di piu pensa hanno appena abbattuto la nostra hall of fame di viale Argonne, muri disponibili a Milano sempre meno, peggio per Albertini dovremo iniziare di nuovo a bombardare.

Com’è nato e si è evoluto il tuo stile? Dipingi in freestyle oppure realizzi bozze?
CKC STYLE. Non ho ancora un mio stile! Wild style, bars and arrows, sto creando qualcosa, creare uno stile non è cosi semplice, anche senza volerlo puoi rimanere influenzato da cose che vedi o arrivare alle stesse soluzioni di qualcun altro, quindi piu che di stile parliamo di evoluzione.
Se faccio un pezzo realizzo sempre prima una bozza, improvvisare non fa per me, il 50% del pezzo viene realizzato su carta, gomma matita e un paio d’ore, provare e riprovare, creare lettere nuove tutte le volte, se dovessi improvvisare su un treno o su un muro ci metterei troppo tempo.

Per te cosa conta maggiormente? Lettering, precisione, effetti, luci,riempimenti…
Come dicevo sopra il writing, per come lo vivo io, è lettering; poi la precisione, i design ,le colorazioni, i 3d sono importanti, e non poco, ma se un outline non ha ne testa ne coda puoi anche dipingerci l’ultima cena di Leonardo di sfondo e resterà sempre un pezzo senza testa ne coda.

All’estero ci sono persone che lavorano e vivono di writing, tu cosa ne pensi, ti piacerebbe?
Beati loro.

Qualità o quantità?
Qualità!!!!!! Per piacere! E se c’è qualità allora ben venga la quantità…

Che rapporto hai con la fama ?
*** THE FAME! Della fama non me ne importa un ***, non dipingo per dimostrare qualcosa a qualcuno, non mi interessa cosa la gente pensa di quello che faccio, certo se qualcuno si complimenta mi fa piacere, ma non è questo il motivo per cui dipingo. Il writing è una parte molto importante della mia vita, una droga, una passione. La fama è il problema, perchè credi che milano sia cosi s***ta, tanti “personaggi” che per far conoscere il proprio nome scassano tutto (quantità e non qualità) e dopo due anni il nome sparisce e nessuno si ricorda più di loro.

Treni ne hai mai fatti? ti ha lasciato più appagato il metallo o il muro?
Metallo o muro per me è lo stesso, non siamo a new york negli anni 70/80 quindi non abbiamo le stesse possibilità, logico che se potessi dipingerei solo treni, ma non perche cosi girano e li vede molta gente, perchè sul metallo si dipinge meglio e si consuma meno vernice!

Cosa ne pensi delle recenti misure di sicurezza che lo stato ha introdotto per contrastare l’azione dei wriers, dalle taglie che offre il comune, alle pellicole sui treni, alla vigilanza armata nei depositi o agli allarmi silenziosi?
Cosa ne penso!? WE CAN’T BE STOPPED!!!!!!!

Un tempo eravate in pochi a contendersi la città, oggi ci sono miriadi di ragazzini che bombardano ovunque, qual è la tua opinione a riguardo?
La mia opinione è che se qualcuno smettesse di dipingere farebbe solo un favore ai veri writers.

Ti piacciono stili diversi dal tuo, come il 3d, oppure i letteroni semplici?
Ad essere sincero non guardo molto le cose di altre crew italiane ed estere, e se mi capita di vedere fanzine dopo due pagine mi stufo…alcuni lavori in 3d sono mega, ad esempio DELTA, pero spesso e volentieri le pezzate fatte in 3d da molta gente sono orribili, non si puo costruire una casa cominciando dal tetto.

Secondo te il fatto che ci sia a disposizione poco tempo giustifica il fatto che in yard si debbano fare “pezzi marci” ?
No non lo giustifica affatto, anch’io dipingo nelle yard e in alcune non ci puoi stare piu di 1 ora. Se ho solo un quaro d’ora non dipingo, come ho già detto non mi interessa che il mio nome giri se dipingo devo fare qualcosa che piaccia a me!

Il mercato delle riviste italiane è in crisi, le poche fanze che ci sono in circolazione hanno problemi in continuazione e c’è sempre meno gente disposta a sbattersi per andare alle jam, perchè c’è questo disinteresse?
Perchè fare una fanzine, pubblicarla e soprattutto commercializzarla ricavando un utile non è così facile inoltre non ci sono fanzine coi contro*** (in Italia) per cui valga la pena spendere dei soldi.

Secondo te il web potrebbe prendere il sopravvento sul materiale cartaceo?
Lavorando nel campo del web spero proprio di si ma ci vorrà ancora qualche anno.

Quali sono i writers che apprezzi maggiormente? Italiani e non.
A Milano SKY, RAE, SHAD, ( anche se adesso non dipinge più), il maestro di stile SPYDER 7 r.i.p., a new york PHASE 2, T KID, VULCAN, BIO, MACK, KASE2, DONDI.

Progetti per il futuro?
Adesso sto lavorando nel campo web/multimedia

Posted in Art Interviews Tagged with: , , , , , , ,