Ripuliscono i monumenti di notte, giustizieri di graffiti a rischio denuncia

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Source: Corrieredelmezzogiorno.it

Ignoti rimuovono le scritte dai palazzi antichi, ma senza tecniche di restauro rischiano di fare seri danni

NAPOLI – Ripuliscono i monumenti di Napoli. Vorrebbero una medaglia per questo, e invece rischiano una denuncia. Eh sì, perché cancellare le scritte spray dalle facciate dei palazzi antichi, come accade in città da qualche tempo, non può essere compito assolto da un misterioso gruppo di volenterosi (o prezzolati?).

Non solo: è reato penale. Insomma, tante grazie per l'aiuto agli ignoti pulitori ma toccherebbe a Comune e Sovrintendenza allertare i propri esperti e stanziare i quattrini necessari. L'attento comitato Portosalvo presieduto da Antonio Pariante aveva lanciato mesi fa il primo Sos sui «giustizieri di graffiti» dopo l'imprevista pulitura degli scarabocchi che sfregiavano la cappella dei Pontano. «Ancora nessuno – spiega Pariante – ha saputo bene spiegare come sia avvenuta la cosa. Ora altri due grandi monumenti risultano ripuliti dagli inchiostri e dai graffiti selvaggi», e cioè la chiesa di Santa Chiara e Castel Capuano.

 

I DANNI CAUSATI AL TUFO – La rimozione delle scritte selvagge è compito di ditte specializzate. Si tratta infatti di vere e proprie azioni di restauro, tra l'altro anche parecchio costose. Per dire, cancellare le frasi d'amore che inguaiavano l'arco trionfale del Maschio Angioino è costato all'erario circa 25mila euro. Invece, a quanto risulta al comitato di Portosalvo, talvolta chi gestisce e sorveglia i monumenti tende a minimizzare i blitz notturni dei«giustizieri». «Al telefono – racconta Pariante al Corriere – da Castel Capuano ci hanno risposto "sapete com'è non abbiamo soldi e la procedura per la rimozione delle scritte è lunga e costosa…». Danneggiamento della pietra, del tufo, del porfido e rischio di sbriciolamento: sono alcuni dei danni che l'attività maldestra di pulitori improvvisati può provocare alle delicate vestigia (l'elenco degli effetti nefasti si può visionare nella sezione «Portosalvo giovani» della pagina Facebook del comitato). A meno che non si tratti di espertissimi restauratori altruisti che nottetempo restituiscono candore alla città deturpata.

Posted in Graffiti Writing, Graffiti, Politics & Laws Tagged with:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

*