Toast interview

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Ciao Toast come prima cosa raccontaci qualcosa di te.
Sono cresciuto in una piccola città vicino a Berna, la capitale della Svizzera. Mi sono trasferito per 2 anni a Basilea, dove la scena è più sviluppata rispetto al resto dello stato e a desso vivo e lavoro nuovamente vicino a Berna.
Quando hai iniziato a dipingere e come ti è venuta questa idea?
Ho cominciato nei primi anni 90. Ho visitato la scuola di arte, dove ho conosciuto Twice, lui era uno dei migliori writers di Berna, mi ha fatto conoscere le regole e l’ideologia del writing.

Pensi che le nuove generazioni siano più avantaggiate rispetto a quando hai iniziato tu?
Credo che nel periodo in cui ho cominciato, c’era davvero molto da esplorare e si sperimentava più di adesso.
Era anche molto più facile diventare famosi, se eri bravo a dipingere le lettere o i puppet. Oggi i writers crescono con più possibilità che permettono loro di imparare le diverse tecniche velocemente.

Com’è la scena europea?
Penso che l’europa abbia una scena innovativa. Ma non dipingo per cercare di rappresentare il mio paese.

Com’è nato il tuo stile?
Ho sempre cercato di essere molto flessibile nel mio stile, mi piace ispirarmi a cose totalmente diverse tra loro. E’ difficile dire quali strade ho intrapreso per essere Toast, sono troppe!

Ti infastidisce il fatto che molti ti copino?
No significa che alla gente piace quello che faccio. Spero di dare imput alle nuove generazioni.

E riguardo ai tuoi personaggi?
attraverso i miei personaggi cerco di mostrare la vita e le cose che mi sorprendono.

Quant’è importante il writing nella tua vita?
Molto! ma lo è ancor di più essere crativi in tutto il resto.
Pensi che sia possibile guadagnarsi da vivere con questa passione?
Se tu vuoi guadagnare bene devi sempre cercare di raggiungere un compromesso con i tuoi clienti
altrimenti farai la fine di tutti gli altri poveri atisti
Pensi che il design aiuti un writer a crescere stilisticamente?
si al 100%

Cosa ne pensi dell’utilizzo dei media come mezzo di propagazione del writing?
Per me i graffiti costituiscono una trasposizione del tuo nome in modo creativo…per raggiungere questo
fine puoi servirti del mezzo di comunicazione che preferisci

Progetti per il futuro.
Ho tanti sogni nel cassetto, sto cercando di farli diventare realtà

Posted in Art Interviews Tagged with: , ,