Zedz, Corvetto e le vernici inattaccabili

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

Cambia volto il cavalcavia di piazzale Corvetto con un doppio intervento di riqualificazione: la messa in sicurezza e la decorazione della struttura ad opera dell’artista di strada olandese Zedz.
Source: Il Giornale – 2.12.2011
zedz corvetto milano


L’intervento, realizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione Roadcare e Isa-Italian Street Art, che hanno curato la parte artistica, restituisce decoro e attrattività al quartiere.
«Sono molto contenta di questa iniziativa, che concorre a rendere più gradevole una parte della città. Siamo pronti a ripetere questo progetto in altri quartieri di Milano», ha commentato l’assessore alla Casa e Lavori pubblici del Comune Lucia Castellano. Un progetto, per la precisione, che la giunta Pisapia ha ereditata dall’amministrazione Moratti, che ha promosso più di un intervento di street art in città, che aveva avviato i primi interventi già nell’estate del 2010.
I lavori di ristrutturazione del cavalcavia, durati complessivamente otto mesi, si sono svolti appunto durante l’estate nel 2010 e nel 2011 per evitare disagi alla circolazione. Oltre alla ripulitura del viadotto, si è provveduto alla risistemazione del guard-rail, al miglioramento del sistema statico e all’impermeabilizzazione della struttura per evitare ristagni d’acqua.
È stata portata a termine anche la sistemazione del sottoponte. L’operazione è costata un milione e mezzo di euro.
La seconda fase del progetto ha visto come protagonista lo street artist Zedz, un artista celebre per le sue opere di strada. L’intervento è stato eseguito attraverso un ciclo di verniciature innovative messo a punto in Giappone su una superficie di 1.500 metri quadri, che regala un nuovo look al viadotto. Le vernici, per le quali il Comune ha stanziato 50mila euro, sono di una natura particolare che crea un effetto repellente anti-graffiti, al punto dal rendere le superfici inattaccabili e facilmente lavabili.

Posted in Graffiti Writing, Street Art Tagged with: , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

*